Fire Force 1×09 – Malvagità dilagante | Recensione

Fire Force 1×09 – Malvagità dilagante | Recensione

18 Dicembre 2019 0 Di Marco Nisticò

In Fire Force 1×08, Rekka Hashimiya prende in ostaggio diversi bambini affinché possano diventare Incendiati tramite gli insetti incendiari. Fortunatamente Shinra Kusarabe riesce ad arrivare in tempo per fermare una possibile tragedia.

Sin dai primi instanti in cui si inizia a vedere Fire Force, si empatizza immediatamente per Shinra Kusarabe, il nostro protagonista che viene ingaggiato come pompiere per l’8° Brigata della Fire Force, una squadra con il solo ed unico scopo di salvare i cosiddetti Incendiati dall’agonia dell’autocombustione. Purtroppo l’unico modo per salvarli è ucciderli e riportarli nella cosiddetta Grande Fiamma, una sorta di paradiso per tutte quelle anime coinvolte in tutto ciò.

Ciò che rende Shinra un personaggio molto carismatico è la sua voglia costante di diventare un eroe, dovuta anche ad un passato piuttosto travagliato. Infatti egli assiste in prima persona alla morte di sua madre e del suo fratellino quando è ancora un bambino, proprio a causa dell’autocombustione. Viene inoltre accusato egli stesso di aver compiuto l’atroce gesto, venendo classificato ancora oggi come un demone. Dunque Shinra cerca disperatamente di trovare una sorta di redenzione da un passato che in qualche modo non gli appartiene.

Durante questi primi episodi, Shinra è riuscito a scoprire diverse informazioni che riguardano gli Incendiati, come ad esempio l’esistenza di determinati Incendiati creati artificialmente attraverso gli insetti incendiari. Successivamente si viene a sapere che è proprio nella 1° Brigata che è presente uno dei membri, tale Rekka Hashimiya, di una sorta di organizzazione malvagia capeggiata da un certo Evangelista, di cui ancora non se ne conosce l’identità. Inizia così un’indagine interna da parte dei membri dell’8° Brigata, che porta a scoprire come Rekka avesse in passato forzato l’autocombustione di diverse persone, specialmente bambini, al fine di creare un esercito di Incendiati dalla fiamma pura ed incontaminata e trasformare la Terra in un secondo Sole, secondo le volontà dell’Evengalista.

Fortunatamente Shinra riesce in tempo a scoprire dove Rekka tiene in ostaggi ben quattro bambini e Tamaki, che fino a quel momento aveva addirittura una cotta per lui, utilizzando tutte le sue abilità di pirocineta. Parte così lo scontro tra Shinra e Rekka, attraverso un combattimento votato all’azione e che copre più della metà dell’episodio. Nonostante l’incredibile forza di Rekka, Shinra riesce a predominare grazie alla sua agilità. Successivamente intervengono anche altri membri della 1° Brigata a fermare Rekka, ignari di ciò che era diventato.

Terminato il combattimento, sembra che i problemi siano finiti…e invece no. Infatti notiamo due individui che osservano Shinra e gli altri da un edificio di fronte, due cecchini che istantaneamente mettono fuori gioco Rekka e poi tentano di far fuori anche gli altri, che però li costringono a ritirarsi. Dopo questa breve interruzione, i tenenti della 1° Brigata decidono di collaborare con l’8° Brigata al fine di scovare l’Evangelista e porre fine ad una catastrofe che sembra stia coinvolgendo non solo la città di Tokyo ma il mondo intero.