Fullmetal Alchemist: venti volumi in due ore? Impossibile

Fullmetal Alchemist: venti volumi in due ore? Impossibile

4 settembre 2018 0 Di Manganime

Nel 2017, sotto la regia di Fumihiko Sori, è stato portato in scena il film di Fullmetal Alchemist. In Giappone è stato distribuito dalla Warner Bros mentre in Italia è possibile vederlo su Netflix.

Il principio dello scambio equivalente

In un XX secolo alternativo, il mondo è governato dall’alchimia ossia una perfetta fusione tra scienza e magia. Questa realtà è però soggetta alla regola fondamentale dello scambio equivalente: se si vuole ottenere qualcosa, bisogna dare in cambio qualcos’altro dello stesso valore. I fratelli Elric, putroppo, imparano a loro spese cosa significa scambio equivalente. Quando, da bambini, la loro madre muore provano a rompere questa regola fondamentale per riportarla in vita. Usando gli appunti del padre, anch’esso alchimista, tentano una trasmutazione umana ma il risultato è disastroso. Tutto nella loro casa si distrugge e i due vengono risucchiati da un vortice.

Anni dopo Edward ed Alphonse vagano di città in città alla ricerca della pietra filosofale. Alphonse non è più umano però: il suo corpo non esiste più. Ciò che è rimasto di lui è solo un’anima legata ad un’armatura. Anche Edward non è lo stesso. La trasmutazione gli ha infatti portato via il braccio destro e la gamba sinistra. Solo la pietra filosofale potrà restituire il corpo a suo fratello Al, ed Edward è disposto a tutto pur di trovarla. Viaggiare, non avere una casa, diventare un alchimista di stato, ormai la sua vita è una ricerca continua e tutto solo per Al. La pietra filosofale, nasconde però un’orribile segreto.

Cast fedele…o quasi

Edward Elric: Uno dei protagonisti. Per riavere indietro la madre morta, lui ed Al tentano una trasmutazione umana quando ancora erano bambini. Nell’atto i due vengono travolti dagli effetti dello Scambio Equivalente ed Edward perde la gamba sinistra. Disperato per la sparizione del fratello, scambia il suo braccio destro per riavere indietro l’anima di Al che lega con le ultime forze ad un’armatura. La sua amica meccanica Winry sostituisce il braccio e la gamba di Ed con degli automail e questo gli porta il nome di Alchimista d’acciaio. Ora Ed e Al possono viaggiare alla ricerca della pietra filosofale per riavere indietro il corpo con l’alchimia.

Alphonse Elric: Uno dei protagonisti. Fratello di Edward, ha eseguito con lui la trasmutazione della madre durante la quale perde il suo corpo. In cambio del braccio destro di suo fratello la sua anima è stata legata ad un’armatura tramite un simbolo alchemico fatto con il sangue. Viaggia insieme ad Ed, che chiama sempre “fratellone“, con la speranza di poter riavere il suo corpo una volta trovata la pietra filosofare. Viene scambiato spesso per suo fratello, chiamato Alchimista d’acciaio, per via della sua armatura.

Roy Mustang: Colonnello conosciuto come Alchimista di fuoco, può manipolare e creare le fiamme a suo piacimento grazie ad un guanto con su un cerchio alchemico. Quando i fratelli Elric si scontrano con padre Cornello, è lui a mostrare la falsità della pietra filosofale trovata dai ragazzi. Fornisce ai fratelli un posto dove stare  ed una biblioteca grazie al suo amico il tenente colonnello Huges. E’ molto perspicace ma nonostante ciò non sa niente del complotto che c’è da anni per la pietra filosofale, per cui al momento giusto combatterà contro gli homunculus con Edward.

Maes Huges: tenente colonnello amico di Mustang, si trova ad Amestris per ordini dei suoi superiori. A quanto pare deve tenere sotto controllo sia i movimenti dei fratelli Elric che di Mustang ma questo non gli fa mai abbassare la guardia contro il male. E’ lui a scoprire cosa si nasconde nel Laboratorio 5 ma non fa in tempo a dirlo.

Homunculus ed altri personaggi

Lust: Homunculus che rappresenta la lussuria. Ha le fattezze di una donna formosa, con un lungo abito nero ed un Uroboro sul petto. E’ in grado di trasformare le sue dita in lunghi fendenti acuminati. E’ lei ad insegnare a Shou Tucker come creare la pietra filosofale e sembra che l’homunculus Gluttony le sia molto attaccato.

EnvyHomunculus dell’inividia. Ha le sembianze di un giovane ragazzo con capelli lunghi, un corpo longilineo ed un Uroboro sulla gamba sinistra. Può assumere le sembianze e la voce di qualsiasi persona ma il suo corpo non è altro che un guscio in cui si nasconde la sua vera forma.

GluttonyHomunculus che impersona la golosità. Ha la forma di un uomo calvo, molto grasso e basso, con occhi bianchi ed una grandissima fame. Esegue gli ordini che gli da Lust mangiando tutti quelli di cui vanno coperte le tracce. Quando divora le vittime il suo corpo si apre mostrando un gigantesco occhio dentro di se.

Winry: Amica d’infanzia dei fratelli Elric, è un meccanico che realizza automail. Quando avviene l’incidente della trasmutazione si prende cura dei fratelli, dando ad Ed dei sostituti meccanici per il suo braccio e la sua gamba. Ha un debole per il ragazzo.

Shou Tucker: chiamato Alchimista intreccia-vite, è in grado di creare chimere con qualsiasi animale. Rimasto solo dopo la morte misteriosa della moglie, studia un modo per creare chimere che possano parlare. A quanto pare, però, non si fa fermare da niente e nessuno. La sua mancanza di scrupoli gli farà commettere cose a dir poco sconcertanti.

Riza Hawkeye: E’ il tenente nonchè braccio destro di Mustang. Ha piena fiducia nel colonnello ed è una donna molto perspicace. Sarà lei a muovere le truppe, sotto l’ordine di Mustang, contro i mostri creati da Trucker.

Alchimia e computer grafica

Senza dubbio questo film è grandioso per la computer grafica. Considerando che il manga è fantastico, la resa delle trasmutazioni alchemiche non poteva essere certo fatta in altro modo. C’è da dire, però, che nonostante l’ottima grafica questo film presenta delle grandi pecche.

Le ambientazioni sono state fatte in Italia, per rendere al massimo le scene degli edifici di Amestris. Questa scelta fa avvicinare moltissimo il film al manga. Nonostante altre scene siano state girate in Giappone, non ci si accorge di questo stacco. Purtroppo però, le ambientazioni non sono ben riempite dalle comparse. Questo lo si nota subito nella scena in cui Edward rincorre padre Cornello nel paese di Reole ed il paese è vuoto. Poi improvvisamente tutta la gente è in piazza… proprio quando Edward viene fermato dalle milizie di alchimisti? Di sicuro poteva essere gestita molto meglio la scenografia.

Altro errore grande è la scelta del cast. Alcuni attori sono somiglianti ai personaggi del manga, come ad esempio  chi interpreta Huges, Riza o anche Gluttony. Gli attori per Winry, Envy ed Edward, sono invece forzati e non adatti, sia perchè sono troppo adulti per il loro ruolo, sia perchè potevano essere sostituiti benissimo da attori occidentali.

Mentre i costumi sono fatti benissimo, la recitazione è davvero pessima. Si nota che personaggi come Winry o Lust sono stati pesantemente ritoccati. Winry appare molto stupida, come fosse un riempimento scenografico e Lust è più sensuale che humunculus.

Perchè comprimere?

Tirando le somme, Fullmetal Alchemist è un film fedele in buona parte al manga. Il problema è la compressione eccessiva che è stata fatta per creare un unica live action. Come in molte trasposizioni cinematografiche, probabilmente si poteva ottenere un risultato migliore spezzandolo in due film la storia. Comprimendola, tuttavia, in due ore sono stati purtroppo fatti troppi tagli e modifiche che gli amanti del manga sentono subito.

Non era necessario rendere esagerata la scena della prima trasmutazione, con vortici ed effetti 3d, per poi fare una specie di replica della scena con Edward adulto. Seguendo la versione del manga si poteva rendere benissimo la tragedia dei fratelli Elric. Mettendo un Edward adulto a parlare con la “verità” hanno si avvicinato il personaggio originale ad una scelta più adatta alla sua età ma hanno sballato la storia dei giovani fratelli.

Allo stesso modo anche la modifica fatta alla morte di Huges è quasi una pugnalata al cuore dei fan. Per incastrare Mustang fanno assumere ad Envy l’aspetto del colonnello che uccide l’amico, ma la cosa non ha senso! Se Huges stava chiamando il colonnello come poteva stare in due posti contemporaneamente? Eppure questa semplice domanda non se la sono posta le truppe…incredibile, sono solo burattini che eseguono gli ordini.

Inoltre anche se il film scorre bene, si sente troppo che la recitazione è fatta male. Alcuni attori hanno, infatti, espressioni troppo teatrali o conversazioni troppo sceniche non giustificabili dalla fedeltà al manga.

 

Condividi su: