Yarichin-Bitch Club: il club delle prostitute

Yarichin-Bitch Club: il club delle prostitute

13 Gennaio 2020 0 Di Manganime

Yarichin-Bitch Club è un manga yaoi dell’autrice Tanaka Ogeretsu, pubblicato in Italia dalla casa editrice J-Pop. Si potrebbe pensare che con il termine “Bitch Club” il manga parli di “ragazze dai facili costumi” eeee….in effetti è così ahahha anche se in realtà le vicende avverranno tra ragazzi, all’interno di una scuola maschile e non ci sarà solo del sesso tra loro!

In che razza di Club sono Finito!?!

Takashi Tono è appena arrivato al liceo maschile Morimori Academy, una scuola privata e posizionata su una montagna. Essendo un nuovo studente vorrebbe trovare prima possibile qualcuno con cui legare. Le sue preghiere vengono esaudite quando incontra Kyōsuke Yaguchi, un ragazzo solare dai capelli rossi che gioca nella squadra di calcio della scuola. Già il primo giorno Tono scopre che tutti gli studenti devono essere iscritti ad un club e, non sapendo quale club scegliere, opta per quello che potrebbe essere il più leggero da frequentare: il club di fotografia.

Finite le lezioni Tono si reca nel suo nuovo club e aprendo la porta si trova davanti a una vera gangbang. Impietrito crede di aver sbagliato posto ma in un attimo compare il presidente del club di fotografia che gli spiega che quello è il posto giusto. In realtà il club di fotografia è solo la base del vero club, chiamato Yarichin Bitch Club o Yari Bu, il Club delle Prostitute. Tutti i membri sono infatti dei ragazzi che prestano favori sessuali sia attivi che passivi al resto dell’istituto. Immorale penserete? Ebbene si, ma essendo alcuni professori dei costanti clienti del club nessuno apre bocca su quello che succede li dentro.

Tono vorrebbe scappare ma ormai l’iscrizione è avvenuta e non può far a meno di rimanere li. In suo sostegno arriva però Yu Kashima, l’altro nuovo studente dell’istituto anche lui iscritto al club, il quale sembra incuriosito dall’attività dello Yari Bu. Tono e Kashima si fanno coraggio e vedranno attorno a loro accadere di tutti con questi 5 strani tipi del club. Eppoi ora hanno anche una regola da rispettare: ogni mese si contano le prestazioni sessuali svolte da ognuno, chi non ne ha svolta neanche una verrà violentato da tutto il gruppo. Riusciranno a scampare a questo destino?

I Membri del Club Yarichin

Takashi Tono : è uno dei due nuovi studenti del secondo anno. Si iscrive al Club Yarichin pensando di evitare i club sportivi ma da subito scopre che questo club è un covo del sesso. Sconvolto ma ormai coinvolto dal gruppo, stringe amicizia con l’altro nuovo studente Yu Kashima. Non riesce a condividere la passione per il sesso di questo gruppo e quando rischierà di essere stuprato inscenerà una relazione con Kashima.

Yū Kashima : il secondo nuovo studente. Come Tono si iscrive allo Yarichin Club ma non ne sembra così sconvolto, anzi ne è quasi divertito. E’ un ragazzo molto solare, coraggioso e deciso e quando anche lui rischia lo stupro di gruppo finge di essere fidanzato con Tono. Nonostante questa messa in scena Kashima inizia a provare una vera e propria attrazione per il suo amico Tono.

Chi vuole fare sesso con noi?

Ayato Yuri: è un ragazzo molto particolare, grande amante del sesso in tutte le sue sfaccettature. Parla in modo molto strano, facendo versi, suoni e imitando la parlata da bambino eppure nonostante sembri un completo idiota è il primo dell’istituto con i suoi voti. E’ sempre in cerca di qualcuno con cui avere rapporti. Inizia ad avere un legame sentimentale con qualcuno solo quando incontrerà Tōru Fujisaki, un ragazzo supertimido e con istinti omicidi che si innamorerà follemente di lui.

Yui Tamura: chiamato Tamu-senpai è il secondo più attivo sessualmente nello Yari Bu. Prova dei sentimenti per il cugino di Kashima, Kyosuke Yaguchi, ma non viene ricambiato perchè anzichè esprimere cosa prova gli escono dalla bocca solo insulti. Adora fare agli altri ogni genere di cosa perversa e ha un grande senso di dedizione.

Keiichi Akemi: è il presidente del Club ed è fidanzato con Koshiro Itome. Nonostante sembri piccolo e indifeso è lui a dettare le regole del club e a farle rispettare a suon di sesso. Nonostante la sua statura è lui che fa le veci dell’uomo con Itome.

Kōshirō Itome: sembra il bello e silenzioso principe azzurro. In effetti non dice quasi mai niente e si limita ad annuire. E’ il fidanzato del presidente ma nonostante tutto i due sono entrambe attivi con le prestazioni. Nell’intimità Itome si fa completamente sottomettere da Akemi perchè lo ama profondamente e non vuole separarsi da lui, anche se non lo esprime.

Itsuki Shikatani: è il passivo del gruppo. E’ un misofobo, quindi è disgustato quasi da tutto ciò richieda contatto tranne che dal sesso. Adora travestirsi con abiti femminili e indossa intimo da donna.

Linee sinuose e tanti profili

Nonostante il tema esplicito di questo manga, lo stile di disegno non ricorda affatto i classici fumetti erotici. E’ uno yaoi molto delicato, con tante scene incentrate sui visi e con molte sfumature. Le linee sono sottili, sinuose e lo stile è molto curato. C’è molta attenzione anche nella rappresentazione dei vestiti e dei dettagli che distinguono i vari personaggi. Basta pensare alla caratterizzazione di Yuri, che con tutti i suoi piercing, lo smalto e anche i diversi tipi di occhiali risulta essere sempre originale nelle varie scene.

Nonostante la maggior parte delle inquadrature siano fatte sui visi le scene non sono affatto ripetitive e si possono notare come anche minimi cambiamenti di posa rendano la sequenza fluida. Le scene di sesso vengono parzialmente censurate, cosa che non accade nella versione inglese del manga, ma sono chiare e molto dinamiche. Molto belli anche i vari effetti di chiaro scuro sui personaggi che non si limitano ad essere le solite ombre o i vari retini del colore, ma trasmettono il calore e la sensazione che c’è nel riquadro stesso.

Non solo sesso tra questi ragazzi

E’ vero, Yarichin Bitch Club è uno yaoi che quasi tende ad un hentai, soprattutto nel primo volume che non sembra avere un granchè di storia. In realtà man mano che si conoscono i personaggi non si può far a meno di lasciarsi coinvolgere emotivamente da loro. Anche quello che sembra il più banale tra loro è in realtà molto profondo e non un semplice ragazzo eccitato pronto per del sesso. E’ facile spostare l’attenzione sui vari personaggi e non ci sono dei veri e propri protagonisti anche se all’inizio l’attenzione è spostata su Tono e Kashima.

La lettura scorre in modo piacevole e c’è da ammettere che ci sono personaggi più passionali di altri che danno quel brivido in più. Consigliato per chi apprezza la fisicità e la crudità perchè nonostante le censure questo manga non nasconde proprio niente di niente, come abbiamo visto anche nello yaoi Blood Bank o in Ten Count.

Yarichin-Bitch Club: il club delle prostitute ultima modifica: 2020-01-13T14:00:00+01:00 da Manganime